News

Sezione dedicata alle ultime novità su Pubblicazioni, Congressi ed eventi di Formazione.

Il BoLive 2 aprile 2019 - Super cervelli: il caso del potenziamento cognitivo

Negli ultimi anni si è intensificato il dibattito, in bioetica, riguardo allo human enhancement, o potenziamento umano.


SuperCervelli bigAlla base del potenziamento di tipo cognitivo (cognitive enhancement) vi è l'obiettivo di ampliare e intensificare le capacità della mente come la memoria, la velocità, la concentrazione e l'efficienza grazie alla stimolazione magnetica transcranica (TMS), oppure tramite l'utilizzo di farmaci, alcuni dei quali sono già in commercio con lo scopo originario di aiutare persone che hanno soffrono di carenza di attenzione o di problemi affini.

La dottoressa Raffaella Rumiati, professoressa di neuroscienze cognitive alla SISSA di Trieste spiega come “Nelle neuroscienze cognitive si studia quale possa essere l'effetto di certi metodi non per curare i sani, ma per curare alcuni problemi”.

E ancora: “La TMS viene usata per curare i sintomi della schizofrenia con ottimi effetti. Poi viene usata anche per il trattamento delle afasie nella logopedia”. Questo è lo scopo originario della TMS, ma, come ricorda lo studio sull'enhancement, il suo uso sembra poter essere ampliato anche al potenziamento delle prestazioni mentali di pazienti già sani. Per quanto riguarda i farmaci, invece, ricordiamo per esempio il Ritalin, medicinale psicostimolante che nasce con lo scopo di curare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Nel momento in cui farmaci del genere vengono assunti o prescritti off label, cioè per uno scopo diverso da quello per cui sono stati pensati, ecco che perdono la loro finalità terapeutica e vengono usati, al contrario, per intensificare ulteriormente prestazioni mentali il cui funzionamento rientra già nella norma. Sembra dunque che il passaggio dal terapeutico al migliorativo stia avvenendo in questo modo, e non essendo sempre chiaro lo scopo per cui un certo farmaco viene assunto, il confine tra cura e potenziamento diventa alquanto sfumato e non sempre rintracciabile.

Maggiori informazioni sull'articolo al seguente link.

La nostra storia

GEA nasce nel 1998 occupandosi di software gestionale per medici, nel 2013 si trasforma in GEA soluzioni espandendo il suo mercato anche nella strumentazione medicale di alto livello tecnologico dedicata alla clinica e alla ricerca.

GEA soluzioni
via Issiglio 95/10, Torino
Tel.: 011 5821948
Fax: 011 0433281
Email: info @ geasoluzioni.it

P. IVA IT11696920013 - REA TO1233648

Tutti i prodotti esposti sul sito geasoluzioni.it con relativi sottodomini ed aventi la natura di dispositivi medici, dispositivi medico diagnostici, presidi medico chirurgici, medicazioni per uso esterno, nonché tutti i contenuti del sito www.geasoluzioni.it (testi, immagini, foto, disegni, allegati, descrizioni e quant’altro) non hanno carattere né natura di pubblicità. Tutti i contenuti devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa e volti esclusivamente a portare a conoscenza dei clienti o dei potenziali clienti in fase di pre-acquisto i prodotti venduti da GEA soluzioni s.r.l. attraverso la rete. Nessun contenuto delle pagine del sito deve essere inteso come materiale pubblicitario, teso ad influenzare in qualsivoglia maniera una decisione di acquisto.

Copyright © 2018 GEA soluzioni. Tutti i diritti riservati.

Search

Con riferimento alla normativa europea ti informiamo che il sito GEA soluzioni utilizza cookies tecnici e di terze parti. Cliccando sul pulsante ACCETTA presti il consenso all’uso di tutti i cookies. Clicca qui per visionare l'informativa estesa